Reportage Photo Gallery

Per Non Dimenticare:

Reportage Terremoto Centro Italia 2016

 

Per non dimenticare...
citando Daniel Pennac:


« Ho fatto delle foto.
Ho fotografato invece di parlare.
Ho fotografato per non dimenticare.
Per non smettere di guardare. »

 

     03.36 am ~ 24 agosto 2016 

07.45 - 09.18 pm ~ 26 ottobre 2016

07.40 am ~ 30 ottobre 2016

10.15 - 11.14 am - 02.33 pm ~ 18 gennaio 2017

 

"Per Non Dimenticare: Terremoto Centro Italia 2016"

Il 24 agosto 2016, alle ore 3.36 con epicentro ad Accumoli (RI),

la terra tremò nel cuore del centro Italia con una magnitudo di 6.0 .

Quella che definita come nel titolo dell'instant book del giornalista Remo Croci "3.36 La Scossa Assassina",

causò circa 300 vittime in meno di 2 minuti e fu l'inizio di uno sciame sismico continuo raggiungendo altri picchi

come le scosse del 26 ottobre alle ore 19.45 ed alle ore 21.18 rispettivamente di magnitudo 5.4 e 5.9 con epicentro tra Visso (MC), Castelsantangelo sul Nera (MC) ed Ussita (MC),

la più forte del 30 ottobre alle ore 07.40 di magnitudo 6.5 con epicentro nella zona di Norcia (PG) che allargò il cratere sismico ad un'estensione di 600 km/q,

e quelle del 18 gennaio 2017 alle 10:25 di magnitudo 5.1 con epicentro a Montereale (AQ),

alle 11:14 di magnitudo 5.5 con epicentro a Capitignano (AQ), alle 11:25 di 5.4 con epicentro a Pizzoli (AQ),

alle 14:33 di magnitudo 5.0 con epicentro a Cagnano Amiterno (AQ).

Col coinvolgimento di 4 regioni (Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria) e ben 7 provincie (Ascoli Piceno, Fermo, L’Aquila, Macerata, Perugia, Rieti, Teramo), il sisma del 2016 si rilevò come il più grande terremoto del centro Italia nella storia moderna.

Il giorno dopo la scossa del 24 agosto mi recai nelle località colpite dal "Mostro",

termine dato dagli abitanti delle zone colpite.

Altri soprannomi vennero e vengono ancora utilizzati:

"Eroi" per i sopravvissuti alle scosse che in meno di 2 minuti persero tutto ed ancora oggi,

a distanza di 5 anni lottano per una ricostruzione quasi inesistente,

"Angeli" per i vigili del fuoco che insieme al supporto delle unità cinofile salvarono tante vite tra le macerie,

altrimenti il numero delle vittime sarebbe stato ben più alto.

Così iniziò il mio viaggio a più riprese nelle zone rosse,

dopo il viaggio ad Amatrice del 12 settembre 2016 pensai di aver chiuso il reportage avendo visitato e fotografato

le zone rosse della maggior parte delle località più colpite e raggiungibili,

in quanto alcune di esse furono completamente isolate e raggiungibili solo con mezzi straordinari per i soccorsi,

ma il "Mostro" tornò in modo devastante con le scosse del 26 e 30 ottobre colpendo le zone del maceratese e norcino allargando l'estensione del cratere sismico a 600 km/q,

ripresi il mio cammino nelle zone rosse per fotografare e raccontare l'accaduto,

per lasciare una testimonianza che rimarrà nella memoria.

Dalle parole dello scrittore Daniel Pennac:

"Ho fatto delle foto.

Ho fotografato invece di parlare.

Ho fotografato per non dimenticare.

Per non smettere di guardare",

per non dimenticare raccontai il terremoto del 2016

perché l'uomo dimentica troppo presto e troppo facilmente la storia ed i suoi eventi.

 

 


2016


Accumoli (RI)

 

Accumoli, epicentro della scossa del 24 agosto.

Zona rossa, agosto 2016.

 


Amatrice (RI)

 

Amatrice, settembre 2016.

Zona Rossa.

 


Arquata del Tronto (AP)

 

Borgo di Arquata del Tronto, agosto 2016.

 

 

Arquata del Tronto, settembre 2016.

Zona Rossa.

 

 

Arquata del Tronto, ottobre 2016.

Zona Rossa vista da Spelonga.

 

 

Borgo di Arquata del Tronto, ottobre 2016.

 


Camerino (MC)

 

Camerino, novembre 2016.

 


Illica (RI)

 

Illica, settembre 2016.

Zona Rossa.

 


Montegallo (AP)

 

Balzo  di Montegallo, ottobre 2016.

Zona Rossa.

 


Muccia  (MC)

 

Muccia, novembre 2016.

Zona Rossa.

 


Norcia (PG)

 

Norcia, dicembre 2016.

 


Spelonga (AP)

 

Spelonga, ottobre 2016.

Zona Rossa.

 


Tolentino (MC)

 

Tolentino, novembre 2016.

 


Trisungo (AP)

 

Trisungo, ottobre 2016.

Zona Rossa.

 


Visso (MC)

 

Visso, novembre 2016.

Zona Rossa.

 


2018


Arquata del Tronto (AP)

 

Arquata del Tronto, dicembre 2018.

 


Piedilama (AP)

 

Piedilama (Fraz. Arquata del Tronto), dicembre 2018.

Zona Rossa.

 


Pretare "Paese Delle Fate" (AP)

 

Pretare (Fraz. Arquata del Tronto), dicembre 2018.

Zona Rossa.

 


Spelonga (AP)

 

Spelonga, dicembre 2018.

Zona Rossa.

 


Trisungo (AP)

 

Trisungo, dicembre 2018.

Zona Rossa.

 

5 di 10